Share this page

Inaugurata la mostra della II edizione: aperta fino al 29 novembre

Pubblicato in News
Giovedì, 09-10-2020

Oltre ai 21 finalisti, una collaterale per 6 artisti tra Casamassima e Bari

Premio don Sante mostra. È stata inaugurata la mostra collettiva dei 21 artisti finalisti a Palazzo Monacelle a Casamassima, l’8 settembre scorso. Al via anche una mostra collaterale per 6 artisti sul territorio.

Premio don Sante mostra

La rassegna artistica promossa e organizzata dalla Fondazione Montanaro, giunta alla seconda edizione, è stata inaugurata l’8 settembre scorso. A fare gli onori di casa la presidente della fondazione, Nica Ferri. “Seminare sempre – ha detto durante l’evento – seminare sempre come faceva monsignore, che era instancabile. Così noi abbiamo raccolto la sua eredità e cerchiamo di essere instancabili: le persone, infatti, che collaborano col premio – la proseguito – sono numerose. Il ringraziamento dunque, va a tutti indistintamente, dai curatori al comitato scientifico, allo staff di comunicazione, alle associazioni che da anni collaborano con noi, alle autorità presenti e all’amministrazione comunale. E agli sponsor che crescono e credono in questo progetto. Il tema scelto per questa seconda edizione, ‘Da luce a colore. Alla ricerca di un raggio di bellezza’, è un auspicio a cercare la bellezza nella quotidianità: bellezza che deriva dalle opere d’arte ma anche dalle sfumature della vita”.
Sono intervenuti anche l’assessore alla Cultura del Comune di Casamassima, Azzurra Acciani; il responsabile della filiale della Banca Popolare di Puglia e Basilicata (main sponsor della rassegna), Oronzo Venturi (entrambi componenti del comitato d’onore); Lucrezia Naglieri, storica dell’arte, in rappresentanza del comitato scientifico (del quale fanno parte anche l’architetto Riccardo Pavone, la curatrice e critica d’arte Giuliana Schiavone, e l’artista Luisa Valenzano); e il curatore di questa edizione, Nicola Zito. Ha moderato la giornalista Marilena Rodi. L’evento si è concluso con un concerto di flauto della musicista Luisa Sello, a cura dell’associazione Amadeus.

L’inaugurazione della mostra

Il vernissage si è svolto nella piazzetta don Domenico Console, a Palazzo Monacelle, nella zona antistante l’accesso alla mostra: quest’anno, infatti, la mostra si sviluppa tra il piano terra (dove sono posizionate 3 opere), e l’ultimo piano, sede della fondazione.
Le opere esposte e che concorreranno per il premio assoluto di 1000 euro sono 21 e sono selezionate dal comitato scientifico nei mesi scorsi.

La mostra collaterale

Oltre alle opere esposte a Palazzo Monacelle, il comitato scientifico ha selezionato 6 opere da destinare a un’esposizione collaterale urbana che coinvolge luoghi pubblici e sparsi sul territorio, tra Casamassima e Bari. Le location individuate sul territorio di Casamassima sono 5: la boutique AD&Co, il Caffè del corso e Caffè Italia (tutti su corso Vittorio Emanuele); il Bar Plaza (in piazza Aldo Moro); Fracristò Appunti di gusto (ristorante gourmet su via Bari); e 1 su Bari: Mullum business center (su corso Vittorio Emanuele).

Il Premio popolare: puoi votare anche tu

La prima edizione ha visto anche la proclamazione di un premio popolare, che viene riproposto anche per questa edizione. I visitatori della mostra, infatti, hanno la possibilità di scegliere l’opera che più è piaciuta e votarla. Come si vota? Una volta visitata la mostra, si cerca su facebook la pagina ‘Premio don Sante per l’arte contemporanea’ e tramite messaggio privato si segnalano: nome e cognome dell’artista e titolo dell’opera (la formula di votazione avviene solo in formato digitale per conformità alle norme anti-Covid19). La proclamazione avverrà insieme a quella del premio assoluto (e del Premio giovani e Premio arte sociale) il giorno del finissage, il 29 novembre prossimo.

Per visitare la mostra contattare i numeri: 349.3280433 e 349.5788379.

 


PHOTOGALLERY DELL'EVENTO

 


VIDEO DELL'EVENTO

 


VIDEO DELLA PRESENTAZIONE

 


 LOCANDINA DELL'EVENTO

premio don Sante 8 settembre vernissage mostra locandina

Letto 151 volte
Share »