Share this page

News

News (17)

Giovedì 12 aprile 2018 alle ore 18:30
Auditorium dell’Addolorata c/o Palazzo Monacelle - Casamassima

VERSO UNA NUOVA MUSICA, IN CERCA DI NUOVE EMOZIONI

Giovedì 08 febbraio 2018 dalle ore 18:30
Auditorium dell’Addolorata c/o Palazzo Monacelle - Casamassima

PREMIO DON SANTE MONTANARO PER LA MUSICA CONTEMPORANEA

Fondazione Mons. Sante Montanaro, Comune di Casamassima, Conservatorio "N. Piccinni" di Bari, Ass. "Amadeus" e Studio Macino
presentano:

I° Ediz.
PREMIO DON SANTE MONTANARO
Concorso di Composizione

Venerdì, 10-06-2017

Il testamento di don Liborio

Le confessioni del ministro all’Interno del Regno di Napoli, 150 anni dopo.

Domenica 15 ottobre 2017 dalle ore 20:00
Auditorium dell’Addolorata c/o Palazzo Monacelle - Casamassima

Venerdì, 09-15-2017

VISIONI SONORE

Dialoghi con il compositore Stefano Ottomano e il regista cinematografico Alessandro Porzio.

Domenica 24 settembre 2017 dalle ore 20:00
Auditorium dell’Addolorata c/o Palazzo Monacelle - Casamassima

A Marta Naturale il 1° Premio del Premio don Sante per l’arte contemporanea
Il premio Giuria popolare è stato invece assegnato all'artista barese Maria Pierno

Si è concluso lo scorso 8 settembre il Premio don Sante per l’arte contemporanea, organizzato dall'omonima Fondazione in occasione delle celebrazioni del centenario di Monsignore Sante Montanaro.

Il comitato scientifico - composto da Enrica Dardes, Antonio Frugis, Robero Lacarbonara e Nicola Zito - ha proclamato vincitrice l'opera Home#1 di Marta Naturale, artista originaria di Noale, comune della provincia di Venezia.

Performance/concerto per solo batteria, percussioni e oggetti sonori variabili.

Venerdì 8 settembre 2017 dalle ore 20:00
Auditorium dell’Addolorata c/o Palazzo Monacelle - Casamassima

Il 5 maggio si inaugurano la mostra collettiva a Palazzo Monacelle
e la mostra collaterale sul territorio 

Casamassima (Ba). Sarà inaugurata il 5 maggio prossimo alle ore 18.30 presso il Palazzo Monacelle in via Roma la mostra collettiva delle opere finaliste del ‘Premio don Sante per l’arte contemporanea’ della Fondazione Mons. Sante Montanaro di Casamassima, bandito in occasione delle celebrazioni del Centenario della nascita del monsignore, il 9 settembre scorso.

Finalisti ammessi alla mostra collettiva di maggio 2017

Tredici artisti italiani e 3 artisti stranieri accedono alla fase finale del Premio don Sante per l’arte contemporanea, promosso dalla Fondazione Mons. Sante Montanaro in occasione delle celebrazioni del Centenario della nascita del vescovo, l’8 settembre 2016. Si chiuderà, infatti, l’8 settembre prossimo questa edizione con la premiazione del vincitore e la presentazione del catalogo. 

Sedici artisti, dunque, selezionati all’unanimità dal comitato scientifico composto da Enrica Dardes, Antonio Frugis, Robero Lacarbonara e Nicola Zito, durante la giornata del 5 marzo scorso, in rappresentanza delle sezioni: Pittura (8), Scultura e istallazione (3), fotografia (4) e performance-video (1).
Gli artisti sono:

  • Alessandro Alghisi, Brescia, Pittura;
  • Nilo Australi, Figline Val d’Arno (Fi), Pittura;
  • Francesca Candito, Milano, Pittura;
  • Giovanni Cangemi, Marsala (Tp), Pittura;
  • Xiaojing Ma, Firenze (Cina), Pittura;
  • Marta Naturale, Noale (Ve), Pittura;
  • Enrico Pierotti, Fano (Pu), Pittura;
  • Sara Zaghetto, Malo (Vi), Pittura;
  • Francesco Finotti, Bazzano, Valsamoggia (Bo), Scultura e istallazione;
  • Anxhela Danushi, Corato (Ba), (Albania), Scultura e istallazione;
  • Maria Pierno, Bari, Scultura e istallazione;
  • Edoardo Abruzzese, La Spezia, Fotografia;
  • Flavia Canè, Padova, Fotografia;
  • Irene Gittarelli, Pregnana Milanese, Fotografia;
  • Massimo Della Latta, Massarosa (Lu), Fotografia;
  • Benna Gaean Maris, Venezia, (Belgio), Performance-video.

Espletate, altresì, tutte le verifiche e le conferme di partecipazione.

La mostra
Al comitato curatoriale composto da Luna Pastore, Giuliana Schiavone e Luisa Valenzano, spetta adesso l’allestimento della mostra che sarà inaugurata a Palazzo Monacelle il 5 maggio prossimo.

 

Superate le previsioni: 160 adesioni da tutto il mondo

Conferenza di presentazione: 8 febbraio
L’inaugurazione della mostra a maggio

Casamassima (Ba). Un successo inatteso e dal sapore internazionale, quello dell’iniziativa ‘Premio don Sante per l’arte contemporanea’ della Fondazione Mons. Sante Montanaro di Casamassima in provincia di Bari, presentata in occasione delle celebrazioni del Centenario della nascita del monsignore, il 9 settembre scorso. Centosessanta adesioni da tutto il mondo: un dato imprevisto ma molto soddisfacente, soprattutto se si considera la partecipazione degli artisti stranieri provenienti da Albania, Belgio, Bielorussia, Bolivia, Brasile, Cina, Croazia, Iran, Lettonia, Polonia, Russia, Spagna, Svizzera, e Uzbekistan.

La conferenza pubblica
Numeri e persone saranno presentati l’8 febbraio prossimo, a Casamassima, presso l’auditorium dell’Addolorata, a partire dalle 18.30. L’evento – cui prenderanno parte i componenti dei comitati d’onore, scientifico e curatoriale – sarà trasmesso in streaming sul sito della fondazione per consentire ai partecipanti di seguire in diretta la conferenza.
Ad aprire i lavori – cui parteciperà anche Alfonso Pisicchio, presidente della Commissione Cultura della Regione Puglia – sarà la presidente della Fondazione Nica Ferri: “Siamo felici – ha fatto sapere – per il successo di adesioni e soddisfatti per un risultato che siamo sicuri non tarderà ad arrivare. E cioè quello di vedere l’arte contemporanea come la vedeva don Sante: una finestra aperta sui talenti. Monsignore aveva un debole per i talenti (e per i giovani in particolare): diceva sempre che occorre seminare sempre a prescindere dal raccolto stagionale”.
Durante l’evento non mancherà un momento di approfondimento e riflessione sul sistema dell’arte contemporanea attuale, e a relazionare saranno due componenti del comitato scientifico. Ad Antonio Frugis, già curatore della Fondazione Museo Pascali di Polignano, è affidata la relazione ‘Il museo nel territorio. Come agisce e cosa accade’; e a Enrica Dardes, docente di storia dell’arte ed esperta di comunicazione dell’arte, è affidata la relazione ‘Arte contemporanea: consumare preferibilmente entro..’ con particolare riferimento alla tutela dei beni artistici. L’introduzione e la moderazione della discussione sono affidate alla giornalista Marilena Rodi.
Questa Edizione Centenario punta su un progetto scientifico e una curatela giovane: oltre a una buona percentuale di giovani artisti under 35, anche i componenti del comitato curatoriale e quelli del comitato scientifico sono under 35, affiancati da un comitato d’onore dalla nota anagrafica più matura, composto da persone che hanno conosciuto e collaborato con Mons. Montanaro. L’iniziativa – che a maggio vedrà l’inaugurazione della mostra collettiva – si svilupperà per l’intero 2017 e molte sono le attività in cantiere.

Un po’ di numeri: 160 le adesioni, di cui 21 provenienti da artisti internazionali (1 non residente in Italia); 8 sono di Casamassima, il paese natio di don Sante. La sezione più gettonata dagli artisti la Pittura, con 82 iscrizioni; 35 le adesioni per la sezione Scultura e installazione; 33 per la sezione Fotografia; 5 per la sezione Video arte; 4 per la sezione Arte virtuale e multimediale, e 1 per la sezione Performance.

Il comitato scientifico
Il progetto scientifico della mostra, quindi la selezione degli artisti finalisti, saranno affidati a Enrica Dardes, docente di storia dell’arte; Antonio Frugis, curatore Fondazione Museo Pino Pascali; Roberto Lacarbonara, docente Aba Lecce e critico d’arte; e Nicola Zito, dottore di ricerca e storico dell’arte.

Il comitato d’onore
L’onore di supervisionare la mostra sarà affidato a persone che hanno conosciuto don Sante e che con lui hanno condiviso l’amore per l’arte: Tommaso Fiermonte, artista; Donato Pace, artista e gallerista; Tony Prayer, artista; Giuseppe Rizzi, artista; e Leonardo Verna, collaboratore di don Sante in occasione delle mostre da lui organizzate.

Comitato curatoriale
Luna Pastore, curatrice; Giuliana Schiavone, critico d’arte; e Luisa Valenzano, artista.

70x100 presentazione

Pagina 1 di 2