Share this page

San Lorenzo in badia

Pubblicato in News
Lunedì, 08-01-2016

La festa di san Lorenzo in badia è una tradizione che si ripete da 20 anni, organizzata dalla sezione casamassimese dell’Archeoclub e voluta fortemente da don Sante.
L’edizione 2016 si è arricchita di protagonisti. Con il patrocinio del Comune di Casamassima e della Fondazione Mons. Sante Montanaro, l’Archeoclub Italia sezione di Casamassima, ha organizzato – in collaborazione con la Pro loco, e l’Acca – il ventennale della commemorazione del santo presso la Badia dedicata in una due giorni di festeggiamenti e celebrazioni religiose.

“Abbiamo molto a cuore la badia – ha commentato Angelo Campanella, presidente dell’Archeoclub locale – e ci dedichiamo alla sua ristrutturazione e restaurazione da 20 anni; nostro desiderio è quello che un giorno possa rappresentare un’isola spirituale nel cuore della Lama San Giorgio”. “Abbiamo raccolto l’eredità di don Sante – ha invece riferito Nica Ferri, presidente della fondazione – e vi stiamo mantenendo fede. Don Sante si è molto prodigato per i lavori di ristrutturazione del sito e volere suo era quello di rendere questo luogo confortevole, dedito a ritiri e stimolo per una rinascita anche culturale di Casamassima. Non a caso, infatti, acquistò i terreni che circondano la badia”.

Quest’anno oltre ai riti religiosi, all’osservazione delle stelle, e al concerto jazz, la festa si arricchisce di rievocazioni storico-medievali che hanno coinvolto dal vivo i partecipanti all’iniziativa, nel senso che i visitatori sono divenuti parte integrante delle rievocazioni, accompagnate da degustazioni tipiche dell’epoca garantite dalle attività produttive locali: esempio vino aromatizzato, o pane profumato con olio casereccio, o taralli insaporiti, o dolci tipici, o persino un piatto unico a base di riso in rivisitazione. Questa manifestazione può essere annoverata tra quelle operazioni di valorizzazione del nostro territorio perché unisce tradizione religiosa, culturale ed enograstonomica. Un brand naturale della nostra terra.

 

Letto 445 volte
Share »